“Leda. Che solo amore e luce ha per confine” di Sara Colaone, Francesco Satta, Luca De Santis

luglio 3, 2017 in Graphic novel da Beatrice Orini

leda

“Leda. Che solo amore e luce ha per confine” di S. Colaone, F. Satta e L. de Santis (Coconino Press)

“Ho amato, vissuto, scritto, letto, sognato, lottato… Per l’anarchia, per Allah, per il figlio… Era questo dunque il prezzo da pagare…”

La conosciamo bambina, nella Pistoia del 1889, intenta a cercare l’Africa nei giardini dietro casa con l’amato fratello Metello, con cui più tardi condividerà letture e comporrà poesie. La ritroviamo giovinetta vispa e strana, così diversa, seria, mentre scopre l’amore per la carta stampata e per la politica, nella tipografia dove lavora: Ci ho pensato bene. L’anarchia è libertà e amore. – urlerà a vent’anni al suo capo socialista – Io faccio sul serio e se non vi sta bene, me ne vado!

Lei è l’anarchica e musulmana Leda Rafanelli, raccontata da Sara Colaone, Francesco Satta e Luca de Santis per Coconino Press. Animata da sentimenti libertari e ardenti, si affaccia al Novecento e lo attraversa, muovendosi dalla Toscana a Milano fino a Genova, tra lotte politiche e contraddizioni esistenziali, tra scrittura, rivolgimenti, frequentazioni e ancora, arte, amori, dolori.

“Leda. Che solo amore e luce ha per confine” è una graphic novel che svela una vita da romanzo, ricca di storia e intensità. D’altronde, afferma la protagonista, è la mia vita, e non voglio viverla per assaggio!

Condividi: Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

“Cattive ragazze. 15 storie di donne audaci e creative” di Assia Petricelli e Sergio Riccardi

maggio 9, 2017 in Graphic novel da Beatrice Orini

cattive-ragazze

“Cattive ragazze” di Assia Petricelli e Sergio Riccardi (Sinnos editrice)

In carcere fu sottoposta a feroci torture…
…E perse il suo bambino.
Ma questo non bastò a zittirla. Una volta liberata, tutti i giorni fece sentire la sua voce dai microfoni della radio dei minatori.
«Chi è il nostro principale nemico? La dittatura? L’imperialismo? No, ragazzi. È la paura che è dentro di noi.»

Nellie Bly, la prima giornalista donna al mondo e tra i migliori cronisti di tutti i tempi; Antonia Masanello, l’unica donna a combattere nell’esercito dei Mille insieme a Garibaldi; Angela Davis, attivista politica che negli Stati Uniti della segregazione razziale ha combattutto per la liberazione dei popoli con una rivoluzione femminista e antirazzista. E poi la celebre dedizione alla scienza di Marie Curie, il coraggio di Franca Viola, i piccoli ma epocali gesti della boliviana Domitila Barrios De Chungara…

15 brevi storie di donne che, in tempi e luoghi diversi, hanno provato a cambiare il mondo.

15 ritratti di valore, impegno, inventiva. Di libertà e speranza, come spiega Nawal El Saadawi durante una manifestazione contro il regime di Mubarak: Ho 80 anni e non sono stanca di lottare. Prima o poi saremo liberi. Non dobbiamo perdere la speranza. Perché la speranza è potere.

Condividi: Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

“Il blu è un colore caldo” di Julie Maroh

aprile 9, 2017 in Graphic novel da Beatrice Orini

il-blu-e-un-colore-caldo

“Il blu è un colore caldo” di Julie Maroh (Rizzoli Lizard)

«Buongiorno!»
«Hai un’aria felice…»
«È che comicio ad accettare tutto il bene che c’è in quel che mi succede… E ho smesso di preoccuparmi di quello che possono pensare gli altri.»
«Uau! Hai avuto una rivelazione o che?»
«Si chiama Emma»

Clémentine ha quindici anni quando, nella confusione della Grand’ Place, scorge il blu dello sguardo e dei capelli di Emma, che da quel momento animeranno i suoi sogni di adolescente e le sveleranno, non senza tormenti, il suo orientamento sessuale.

Una storia delicata e insieme dolorosa di crescita e di accettazione. Di desiderio e gioia, di difficoltà e perdite. Attraverso disegni magnetici – dove spicca un caldo blu -, un’emozionante storia d’amore.

Dalla graphic novel,  bestseller in Francia e premiata al Festival di Angoulême 2011, è stato liberamente tratto il film “La vita di Adele” (Palma d’Oro al Festival di Cannes 2013).

Condividi: Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

“L’arabo del futuro. Una giovinezza in Medio Oriente (1978-1984)” di Riad Sattouf

marzo 9, 2017 in Graphic novel da Beatrice Orini

L'arabo del futuro

“L’arabo del futuro” di Riad Sattouf (Rizzoli Lizard)

“Mi chiamo Riad. Nel 1980 avevo due anni ed ero un uomo dei sogni.”

Riad, nato a Parigi da mamma francese e papà siriano, è un bambino dai lunghi capelli biondi alla Brigitte Bardot abituato a sentirsi irresistibile. A causa del lavoro di docente universitario del padre, la cui ossessione era dare un’istruzione agli arabi, l’unico modo per uscire dall’oscurantismo relgioso, Riad trascorre l’infanzia nella Libia di Gheddafi e nella Siria di Hafiz Al-Asad, con piccole pause in Bretagna dai nonni materni.

Attraverso lo sguardo ingenuo di Riad bambino e il tratto incantevole di Riad disegnatore, una cronaca di piccoli e grandi avvenimenti, dove le vicende familiari s’intrecciano a quelle storiche. Un libro molto premiato, pieno di humor e delicatezza.

Condividi: Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

“Basilicò” di Giulio Macaione

febbraio 9, 2017 in Graphic novel da Beatrice Orini

Basilicò “Sono stata una madre severa, ma sono riuscita a farmi volere bene.
Il segreto? La mia cucina, ovviamente. Li ho sempre presi per la gola.
Il segreto della mia cucina? Il mio basilico.”

A Palermo, cinque fratelli ormai adulti si preparano a festeggiare il compleanno della loro mamma Maria, donna di chiesa rispettabile e insuperabile cuoca.

In un alternarsi avvicincente di presente e passato, di inquadrature singole e ampie rappresentazioni della famiglia Morreale, un segreto al sapore di basilico si svela piano piano.

Condividi: Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

“Zero e Uno” di Biro

gennaio 9, 2017 in Graphic novel da Beatrice Orini

zero e uno

“Zero e Uno” di Biro (MalEdizioni)

«Tu cosa dici? Cosa devo fare, amico mio?»
«Devi farlo, Geremia… O resterai solo per sempre!»

Fin dove può spingersi un bambino per farsi accettare dai suoi (crudeli) coetanei? Lo racconta Biro in una fiaba noir, dove il piccolo Geremia Zero (zero non solo nel cognome, gli diranno il maestro e i compagni) insieme al suo cagnolino di pezza Uno (ti chiamerò uno! Perché sei il numero uno!) farà, spaventato, una scelta feroce.

Un susseguirsi emozionante di tavole, realizzate con tratto abilissimo e straordinari colori.

Condividi: Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

“Cronache di Gerusalemme” di Guy Delisle

novembre 25, 2016 in Graphic novel da Beatrice Orini

cronache di gerusalemme

“Cronache di Gerusalemme” di Guy Delisle (Rizzoli Lizard)

“Il giorno dopo passa a trovarci una rappresentante di MSF.
«Dunque, qui ci troviamo nella parte “est” di Gerusalemme. È un villaggio arabo che è stato annesso nel ’67, in seguito alla guerra dei Sei Giorni.»
«Ma siamo comunque in Israele, giusto?»
«Beh… Sì… Insomma dipende.»
«Per il governo israeliano siamo in Israele, questo è certo, ma per la comunità internazionale, che non riconosce la spartizione fatta nel ’67, ci troviamo in Cisgiordania, quella che dovrebbe diventare la Palestina (se mai accadrà).»
«Ah, ok, d’accordo. E quindi è Gerusalemme la capitale del Paese?»
«Beh, il discorso è lo stesso, per la comunità internazionale è Tel Aviv, dove ci sono tutte le ambasciate. Ma per Israele è Gerusalemme. La Knesset (il parlamento) è qui, non a Tel Aviv.»
«Mmm… Capito.»
Bah, non ci ho capito niente. Ma con un anno davanti a me, mi dico, finirò di certo per capirci qualcosa… Leggi il resto di questa voce →

Condividi: Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

“I giorni della merla” di Manuele Fior

ottobre 25, 2016 in Graphic novel da Beatrice Orini

i giorni della merla

“I giorni della merla” di Manuele Fior (Coconino Press)

“Sto bene
Stiamo bene.
Non lo so,
penso di stare
bene. Ma per
piacere, smettete
di chiedermi come
sto.

Mi guardo
intorno.
Cerco di trovare
le differenze con
la Parigi di prima.” Leggi il resto di questa voce →

Condividi: Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

“L’arte della felicità” di Alessandro Rak

settembre 25, 2016 in Graphic novel da Beatrice Orini

l'arte della felicità

“L’arte della felicità” di Alessandro Rak (Rizzoli Lizard)

“Smetti di girare in tondo, Sergio.
Torna a cercare le tue note migliori.”

Sergio non scende da giorni dal suo taxi. Vaga per le strade di una Napoli bagnata da diluvi e degrado, abitato dal dolore di una drammatica perdita. Attorno a lui, personaggi strambi e ricordi che ossessionano ma sono tutto quello che mi resta.

Pagine vive di poesia e potenza, di colori e musica, che attraversano il dolore per suggerire la via verso la felicità.

Condividi: Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

“Unastoria” di Gipi

agosto 25, 2016 in Graphic novel da Beatrice Orini

unastoria

“Unastoria” di Gipi (Coconino Press)

“Dammi risposte complesse.
Please”

Unastoria è la storia di Silvano Landi, noto scrittore quasi cinquantenne ricoverato in un ospedale psichiatrico perché a un passo dall’abisso. Ma è anche la storia del suo bisnonno Mauro, soldato al fronte nella Prima Guerra Mondiale.

Unastoria sono due storie dentro pagine di paesaggi ad acquarelli spogli di parole e riempiti di poesia, dentro pagine fitte di dialoghi ed essenziali nei tratti in bianco e nero.

Un’esplorazione di stili, sentimenti e pensieri – sull’amore, il dolore, la prossimità con la morte, la forza della vita – alla ricerca di risposte complesse.

Condividi: Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest