Slideshow shadow

In Valvestino sull’altalena… Tra storia e fantasia

agosto 28, 2016 in Album fotografici, Approfondimenti da Pino Mongiello

Questioni di confine ricordando Francesco Giuseppe

valvestinoQuest’anno mi son lasciato convincere a partecipare, in Valvestino, alla festa di compleanno dell’imperatore austro-ungarico Francesco Giuseppe, morto nel 1916, nel corso della Prima guerra mondiale. L’evento non ha ancora una tradizione solida ma lo si celebra già da sette anni. Moerna, dunque, un piccolo borgo di 191 abitanti, a 1000 mt di altitudine, ha ospitato la festa con rievocazione in costume di un fatto che non è mai avvenuto: la visita in valle del sovrano asburgico, con la sua corte. Sta di fatto che una gran folla di gente si è avventurata fin lassù per vedere da vicino le comparse di una sceneggiata dal vago sapore nostalgico, belle statuine dai volti rassicuranti atteggiati al sorriso. Leggi il resto di questa voce →

Condividi: Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

Il segreto del tasso [6]

agosto 26, 2016 in Letteratura da Silvano Danesi

thumbnail_Sacerdote-druidoLo stavano aspettando da giorni, sin da quando le cornacchie in cielo avevano dato il segnale,  intessendo voli  sulla linea di sud ovest.  L’annuncio del suo arrivo era stato letto dai druidi di Bar Ailt nelle stelle e in certi segni che la sapienza antica aveva tramandato oralmente, sin dai tempi in cui la Dea Madre era venerata e rispettata con i suoi figli: quelli nascosti nelle sue viscere, quelli radicati nella sua carne e quelli affaccendati sulla sua superficie, nelle sue acque o nel cielo.

Le segnalazioni dei fuochi, che trasmettevano la notizia da triangolo a triangolo, sulla rete che congiungeva ai luoghi sacri, avevano confermato la notizia: Gwydd era in viaggio.

Le sacerdotesse avevano digiunato e scrutato nelle polle  d’acqua limpida, alimentata dalla fonte sacra, per seguirne i passi mentre, partito da terre lontane, in prossimità di un mare sconosciuto, attraversava monti e pianure, guadava fiumi, per portare a Bar Ailt la sapienza antica che avrebbe dato avvio ad una nuova stagione di prosperità.  Leggi il resto di questa voce →

Condividi: Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

Le nostre città d’America: le generazioni disperse

agosto 26, 2016 in Approfondimenti, Recensioni da Mario Baldoli

libro-unaltra-americaUn’insolita ricerca quella del giornalista Alberto Giuffrè, Un’altra America. Viaggio nelle città “italiane” degli Stati Uniti, ed. Marsilio.

Si sa che decine di città americane hanno il nome di città italiane, quindi probabilmente furono fondate da immigrati italiani. Che ne è di queste città? E dei discendenti che le fondarono?

Giuffrè ne ha scelte otto, partendo dall’importanza del nome e dall’appartenenza a Stati diversi. Ha così compiuto un lungo viaggio dalla California alla Florida al confine col Canada: Rome, Venice, Palermo, Florence, Genoa, Naples, Milan, Verona.  Leggi il resto di questa voce →

Condividi: Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

Imparare e camminare

agosto 26, 2016 in Racconti e poesie da Chiara Zonta

M’isso.

Passo primo. Barcollo.

Secondo passo. Tracollo.

Cauta, mi alzo. Curiosa, avanzo.

Un passo, un altro, un saltello, un balzo.

Danzo?   Leggi il resto di questa voce →

Condividi: Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

“Unastoria” di Gipi

agosto 25, 2016 in Graphic novel da Beatrice Orini

unastoria

“Unastoria” di Gipi (Coconino Press)

“Dammi risposte complesse.
Please”

Unastoria è la storia di Silvano Landi, noto scrittore quasi cinquantenne ricoverato in un ospedale psichiatrico perché a un passo dall’abisso. Ma è anche la storia del suo bisnonno Mauro, soldato al fronte nella Prima Guerra Mondiale.

Unastoria sono due storie dentro pagine di paesaggi ad acquarelli spogli di parole e riempiti di poesia, dentro pagine fitte di dialoghi ed essenziali nei tratti in bianco e nero.

Un’esplorazione di stili, sentimenti e pensieri – sull’amore, il dolore, la prossimità con la morte, la forza della vita – alla ricerca di risposte complesse.

Condividi: Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

Il mio gigante buono

agosto 18, 2016 in Racconti e poesie da Milena Del Vecchio

Il mio gigante buono
ha occhi di cielo
veste la bruma e la rugiada
la pioggia e la neve.

Nelle sue mani la scoperta
la meraviglia di un giorno qualsiasi.

Nei suoi occhi la vita
sulla pelle il desiderio
nelle gambe l’audacia
nel core il sogno. Leggi il resto di questa voce →

Condividi: Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

Beni comuni: una prospettiva innovativa di lungo respiro

agosto 11, 2016 in Approfondimenti, Recensioni da Laura Giuffredi

beni-comuni-2.0Capita di incontrare, talvolta, dei libri-rivelazione.  Mondi di pensiero complesso, ma non astruso, che sollecitano una riflessione parallela al più ovvio, banale e stantio “rumore di fondo”, nel quale facilmente ci muoviamo quotidianamente.

È il caso del volume Beni comuni 2.0. Contro-egemonia e nuove istituzioni, a cura di Alessandra Quarta e Michele Spano’, MIMESIS 2016.

La post-fazione di Ugo Mattei ci chiarisce come lo sforzo dei giovani co-autori, che appartengono ad una generazione cosmopolita, nomade, con rapporti transnazionali, esperti di diritto e rapporti internazionali, punti a smascherare la pochezza e falsa coscienza del pensiero istituzionale dominante in tema di BENI COMUNI, a sottolineare il ritardo della politica, ma anche a fornire un orizzonte culturale di speranza e civiltà, quanto mai necessario nella nostra epoca di crisi e precarietà. Leggi il resto di questa voce →

Condividi: Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

“Principesse. Dimenticate o sconosciute” di Philippe Lechermeier e Rébecca Dautremer

agosto 10, 2016 in Letteratura per l'infanzia da Beatrice Orini

Principesse

“Principesse. Dimenticate o sconosciute” di Philippe Lechermeier e Rébecca Dautremer (Rizzoli)

Viziata e troppo amata, la principessa Capricciosa non parla, parlotta; non tossisce, tossicchia. Davanti a un ottimo pasto, non tocca quasi nulla: fa la buongustaia e al massimo spilucca. Una vera smorfiosetta.”

Quattrocchi che sogna una giornata divisa in capitoli, Radiolina solo blablà e altre amenità, Amnesia, che si presenta agli spettacoli una settimana prima o tre giorni dopo. Ma anche Rospetta, molto bella, non sbava, non gracida e non ha pustole.

Sono solo alcune delle Principesse dimenticate o sconosciute. Delicatamente ritratte, minuziosamente svelate in un prezioso libro delle meraviglie.

Condividi: Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

L’onda si lascia sulla spiaggia

agosto 3, 2016 in Racconti e poesie da Stefano Bottarelli

L’onda si lascia sulla spiaggia

e lo sciacquio trasale.

Traccia fila d’aria il gabbiano

sopra noi: pensiamo

al mondo delle nostalgie

umane e a lui che vola,

senza tornare.

a lui che vola

Condividi: Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

Heidegger: quando la filosofia si fa nazista e antisemita

luglio 30, 2016 in Approfondimenti da Mario Baldoli

 9788833927367_0_500_0_75È ormai stata pubblicata una buona parte dei Quaderni neri di Martin Heidegger: 34 scritti filosofici, chiusi in una tela cerata nera che il filosofo voleva seguissero gli inediti della sua intera opera.

I Quaderni coprono gli anni 1931-1971. Quello di cui scrive Di Cesare riguarda il periodo 1942-1948; 560 pagine sugli anni cruciali della guerra e quelli immediatamente successivi.

Della pubblicazione degli inediti del filosofo si occupa un consiglio costituito dai discendenti e da alcuni filosofi, un Kuratorium, una commissione di vigilanza che pubblica gli scritti del maestro omettendo frasi e giudizi, soprattutto antisemiti, col pretesto che possono essere fraintesi. Così la commissione, che è tendenzialmente su posizioni di estrema destra, ha reso poco credibile l’intero lascito del filosofo.

Inaspettatamente nel 2011 la filosofa Donatella Di Cesare, docente di filosofia teoretica a Roma, viene chiamata al Kuratorium col ruolo di vicepresidente, prima donna a entrarvi. Il suo compito è di far leggere al mondo Heidegger “sotto nuove costellazioni”.  Leggi il resto di questa voce →

Condividi: Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest